Umbilical cord blood (UCB) is a source of stem cells for haematopoietic transplantation in paediatric and adult patients with haematological disorders and other problems. In the last years, besides UCB donation for allogenic transplantation in public banks, a growing number of private banks offer UCB storage for a possible allogenic use. The debate among private and public UCB storage is still open, especially regarding ethical implications related to it. The purpose of this multicentric study was to investigate knowledge, perceptions and attitudes of Italian pregnant women on UCB storage and donation. Results showed a limited konwledge about UCB among participants, in particular regarding therapeutic use and on storage and how to donate UCB; although, they seem to tend to be favourable to donation (public storage). Also, a higher level of education seems to correlate with a greater knowledge and adherence to treatment. Knowledge is also related with ethical acceptance both for the treatment than research points of views. In conclusion, healthcare services should offer a wide range of targeted pathways managed by midwives or nures, in order to sensitize pregnant women on the importance of donation.

Il sangue cordonale (SC) è una fonte di cellule staminali per il trapianto ematopoietico in pazienti adulti e pediatrici affetti da disordini ematologici e da altri disturbi. Negli ultimi anni, oltre alla donazione delle cellule staminali per trapianto allogenico in banche pubbliche, si sta diffondendo la prassi della conservazione del sangue cordonale in banche private, per eventuale uso autologo. Il dibattito fra bancaggio pubblico e privato è tutt’ora aperto, soprattutto per i risvolti etici ad esso correlato. L’intento dello studio multicentrico è stato dunque quello di indagare le conoscenze, le percezioni e le attitudini delle gestanti italiane riguardo alla donazione e alla conservazione del SC. I risultati hanno mostrato una limitata conoscenza da parte delle donne esaminate, soprattutto sull’uso terapeutico e sulle modalità di donazione e conservazione del SC, benché siano tendenzialmente favorevoli alla donazione (bancaggio pubblico). Inoltre, un più elevato livello di istruzione delle gestanti sembra essere correlato a una maggiore conoscenza e accettazione nei confronti del trattamento. Infine, si evince che la conoscenza è correlata con l’accettazione etica sia dal punto di vista del trattamento che da quello della ricerca. In conclusione, i servizi sanitari dovrebbero offrire maggiori percorsi mirati, gestiti da ostetriche o infermieri, per sensibilizzare le gestanti sull’importanza della donazione.

Conoscenze, percezioni e attitudini delle gestanti sulla donazione e conservazione del cordone ombelicale: studio trasversale

Cicolini G
2017

Abstract

Il sangue cordonale (SC) è una fonte di cellule staminali per il trapianto ematopoietico in pazienti adulti e pediatrici affetti da disordini ematologici e da altri disturbi. Negli ultimi anni, oltre alla donazione delle cellule staminali per trapianto allogenico in banche pubbliche, si sta diffondendo la prassi della conservazione del sangue cordonale in banche private, per eventuale uso autologo. Il dibattito fra bancaggio pubblico e privato è tutt’ora aperto, soprattutto per i risvolti etici ad esso correlato. L’intento dello studio multicentrico è stato dunque quello di indagare le conoscenze, le percezioni e le attitudini delle gestanti italiane riguardo alla donazione e alla conservazione del SC. I risultati hanno mostrato una limitata conoscenza da parte delle donne esaminate, soprattutto sull’uso terapeutico e sulle modalità di donazione e conservazione del SC, benché siano tendenzialmente favorevoli alla donazione (bancaggio pubblico). Inoltre, un più elevato livello di istruzione delle gestanti sembra essere correlato a una maggiore conoscenza e accettazione nei confronti del trattamento. Infine, si evince che la conoscenza è correlata con l’accettazione etica sia dal punto di vista del trattamento che da quello della ricerca. In conclusione, i servizi sanitari dovrebbero offrire maggiori percorsi mirati, gestiti da ostetriche o infermieri, per sensibilizzare le gestanti sull’importanza della donazione.
Umbilical cord blood (UCB) is a source of stem cells for haematopoietic transplantation in paediatric and adult patients with haematological disorders and other problems. In the last years, besides UCB donation for allogenic transplantation in public banks, a growing number of private banks offer UCB storage for a possible allogenic use. The debate among private and public UCB storage is still open, especially regarding ethical implications related to it. The purpose of this multicentric study was to investigate knowledge, perceptions and attitudes of Italian pregnant women on UCB storage and donation. Results showed a limited konwledge about UCB among participants, in particular regarding therapeutic use and on storage and how to donate UCB; although, they seem to tend to be favourable to donation (public storage). Also, a higher level of education seems to correlate with a greater knowledge and adherence to treatment. Knowledge is also related with ethical acceptance both for the treatment than research points of views. In conclusion, healthcare services should offer a wide range of targeted pathways managed by midwives or nures, in order to sensitize pregnant women on the importance of donation.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/258249
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact