L’angoscia della nudità e le maschere della funzione autoriale in un racconto di Calvino