Il “Progetto Valle dell’Ofanto”: primi dati sulla tarda antichità e l’altomedioevo