Patrimonio culturale, riforme e democrazia. A proposito di un libro recente