La visione di Costantino a Ponte Milvio e soprattutto, qualche anno più tardi, l’inventio della reliquia della Croce a Gerusalemme diedero avvio a un culto diffusissimo in Oriente e in Occidente, che portò alla produzione di stauroteche estremamente preziose e raffinate, oggetto di scambio e di dono tra le più importanti autorità civili ed ecclesiastiche, come segno di affermazione di potere e della protezione divina. In questo studio si analizzano le fonti relative alla scoperta e alla diffusione del culto della Croce, le relative testimonianze materiali e, in particolare, la tipologia e la diffusione dei reliquiari.

Le reliquie della Santa Croce: da Costantino ai Longobardi

Donatella Nuzzo
2019

Abstract

La visione di Costantino a Ponte Milvio e soprattutto, qualche anno più tardi, l’inventio della reliquia della Croce a Gerusalemme diedero avvio a un culto diffusissimo in Oriente e in Occidente, che portò alla produzione di stauroteche estremamente preziose e raffinate, oggetto di scambio e di dono tra le più importanti autorità civili ed ecclesiastiche, come segno di affermazione di potere e della protezione divina. In questo studio si analizzano le fonti relative alla scoperta e alla diffusione del culto della Croce, le relative testimonianze materiali e, in particolare, la tipologia e la diffusione dei reliquiari.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2019_IntornoTeodlinda.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 2.58 MB
Formato Adobe PDF
2.58 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/257131
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact