La necessità di interrogare grandi volumi di dati eterogenei e provenienti da molteplici fonti, interne ed esterne, attraverso specifici linguaggi di programmazione e la loro sempre maggiore centralità nel processo di creazione di valore sta rivoluzionando i tradizionali modelli business. Attraverso l’adozione di algoritmi sempre più sofisticati è possibile intercettare ed interpretare ogni flusso digitale, in particolare provenienti dal c.d. Internet of Things (IoT) o dal web. La raccolta di tale mole di informazioni, la loro governance ed integrazione globale (c.d. Big Data) rappresentano elementi alla base di tutti i processi decisionali. Grazie alla possibilità di trasformare le fonti informative in conoscenza e quantificare la realtà in ogni suo elemento (oggetti, luoghi, fenomeni, persone e comportamenti umani), i Big Data stanno acquisendo una rilevanza strategica nel processo di sviluppo ed anche di sopravvivenza delle imprese di qualsiasi dimensione e settore. L’importanza di disporre di un ampio volume e di una grande varietà di informazioni condivise all’interno dell’organizzazione caratterizza soprattutto il processo interattivo e multidirezionale di valutazione e gestione dei rischi (risk management). Tale processo, da un lato, contribuisce alla salvaguardia dell’integrità del patrimonio aziendale, mediante un incremento dell’efficienza e dell’efficacia dei servizi o prestazioni erogate, e, dall’altro, riduce gli eventi inaspettati e le relative perdite, oltre a garantire una maggiore efficienza del processo decisionale. Il presente lavoro, attraverso l’analisi di un caso studio, indaga sulle tecniche di raccolta e gestione dei dati (es.Big Data Analytics) che supportano il management delle banche di piccole dimensioni nella gestione dei rischi e sulle competenze richieste al risk manager nell’era digitale. Il contributo mira a comprendere quali sono le prospettive future di un risk management 4.0 e quale ruolo assumono i Big Data Analytics, contribuendo al dibattito in corso sull’utilità e sull’utilizzo delle innovazioni digitali nelle imprese bancarie.

L’utilizzo dei Big Data Analytics nella Gestione del Rischio: Analisi di un Caso Studio nel Settore Bancario

Dicuonzo Grazia
;
Galeone Graziana;Zappimbulso Erika;Dell'Atti Vittorio
2019

Abstract

La necessità di interrogare grandi volumi di dati eterogenei e provenienti da molteplici fonti, interne ed esterne, attraverso specifici linguaggi di programmazione e la loro sempre maggiore centralità nel processo di creazione di valore sta rivoluzionando i tradizionali modelli business. Attraverso l’adozione di algoritmi sempre più sofisticati è possibile intercettare ed interpretare ogni flusso digitale, in particolare provenienti dal c.d. Internet of Things (IoT) o dal web. La raccolta di tale mole di informazioni, la loro governance ed integrazione globale (c.d. Big Data) rappresentano elementi alla base di tutti i processi decisionali. Grazie alla possibilità di trasformare le fonti informative in conoscenza e quantificare la realtà in ogni suo elemento (oggetti, luoghi, fenomeni, persone e comportamenti umani), i Big Data stanno acquisendo una rilevanza strategica nel processo di sviluppo ed anche di sopravvivenza delle imprese di qualsiasi dimensione e settore. L’importanza di disporre di un ampio volume e di una grande varietà di informazioni condivise all’interno dell’organizzazione caratterizza soprattutto il processo interattivo e multidirezionale di valutazione e gestione dei rischi (risk management). Tale processo, da un lato, contribuisce alla salvaguardia dell’integrità del patrimonio aziendale, mediante un incremento dell’efficienza e dell’efficacia dei servizi o prestazioni erogate, e, dall’altro, riduce gli eventi inaspettati e le relative perdite, oltre a garantire una maggiore efficienza del processo decisionale. Il presente lavoro, attraverso l’analisi di un caso studio, indaga sulle tecniche di raccolta e gestione dei dati (es.Big Data Analytics) che supportano il management delle banche di piccole dimensioni nella gestione dei rischi e sulle competenze richieste al risk manager nell’era digitale. Il contributo mira a comprendere quali sono le prospettive future di un risk management 4.0 e quale ruolo assumono i Big Data Analytics, contribuendo al dibattito in corso sull’utilità e sull’utilizzo delle innovazioni digitali nelle imprese bancarie.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2019_AIDEA_L’utilizzo dei Big Data Analytics.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 4.98 MB
Formato Adobe PDF
4.98 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/256677
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact