Sovranità e «microfisica del potere»