Il diritto all’autodeterminazione: una libertà “perimetrata” dal sapere scientifico?