A proposito di (offese alla) dignità del lavoro: il mobbing come uso distorto del potere di comando