Può apparire strano che l’apertura delle relazioni diplomatiche tra i Cavalieri di Malta ed un Paese retto da una monarchia cattolica possa essere stata una storia lenta e complicata, ma la natura aristocratica dell’Ordine ingenerava la prevedibile opposizione della forte cultura socialista e liberale che percorreva l’opinione pubblica belga. Inoltre il rapporto tra la monarchia e il popolo scontava difficoltà risalenti al secondo conflitto mondiale e alla stessa architettura statuale del Regno. Tuttavia le relazioni si sarebbero rivelate feconde e profetiche, come l’attività caritatevole e di assistenza nei confronti dei numerosi lavoratori stranieri residenti in Belgio, e delle vittime di disastri naturali che periodicamente hanno afflitto il Paese.

It may seem strange that the opening of diplomatic relations between the Knights of Malta and a country ruled by a Catholic monarchy may have been a slow and complicated story, but the aristocratic nature of the Order engendered the predictable opposition of the strong socialist and liberal culture that ran through Belgian public opinion. Furthermore, the relationship between the monarchy and the people faced difficulties dating back to the Second World War and to the state architecture of the Kingdom itself. However, the relationship would prove fruitful and prophetic, such as charitable activity and assistance to the many foreign workers residing in Belgium, and the victims of natural disasters that periodically plagued the country.

L'Ordine di Malta e il Regno del Belgio. Genesi e sviluppo delle relazioni diplomatiche.

Nicola Neri
2019

Abstract

It may seem strange that the opening of diplomatic relations between the Knights of Malta and a country ruled by a Catholic monarchy may have been a slow and complicated story, but the aristocratic nature of the Order engendered the predictable opposition of the strong socialist and liberal culture that ran through Belgian public opinion. Furthermore, the relationship between the monarchy and the people faced difficulties dating back to the Second World War and to the state architecture of the Kingdom itself. However, the relationship would prove fruitful and prophetic, such as charitable activity and assistance to the many foreign workers residing in Belgium, and the victims of natural disasters that periodically plagued the country.
Può apparire strano che l’apertura delle relazioni diplomatiche tra i Cavalieri di Malta ed un Paese retto da una monarchia cattolica possa essere stata una storia lenta e complicata, ma la natura aristocratica dell’Ordine ingenerava la prevedibile opposizione della forte cultura socialista e liberale che percorreva l’opinione pubblica belga. Inoltre il rapporto tra la monarchia e il popolo scontava difficoltà risalenti al secondo conflitto mondiale e alla stessa architettura statuale del Regno. Tuttavia le relazioni si sarebbero rivelate feconde e profetiche, come l’attività caritatevole e di assistenza nei confronti dei numerosi lavoratori stranieri residenti in Belgio, e delle vittime di disastri naturali che periodicamente hanno afflitto il Paese.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Neri 2019.pdf

non disponibili

Tipologia: Abstract
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 14.82 MB
Formato Adobe PDF
14.82 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/254864
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact