Insegnamento tra tradizione e modernità: ritorno al futuro?