L'azione di classe mira a consentire la gestione unitaria di controversie caratterizzate da una pluralità di attori titolari di una situazione giuridica comune. Laddove prevale la massificazione dei rapporti, il rimedio collettivo permette l'aggregazione di situazioni giuridiche distinte, con evidenti ricadute in termini di efficienza ed effettività. In sostanza, l'azione di classe può risultare provvida per realizzare economie di scala, specie a livello di «mass-torts»; ma si rivela davvero insostituibile quando siano in gioco istanze di modesto rilievo per il singolo, ancorché capaci di alimentare profitti consistenti per chi persegue se-rialmente un'attività illecita. A questa incisività — quando la si consegua — si accompagnano non pochi risvolti negativi. La ricetta dell'azione di classe si rivela, dunque, problematica, oscillando fra gli estremi dell'aggressiva versione statunitense e l'asfittico esercizio di stile dell'art. 140 bis cod. consumo. La nuova disciplina, destinata ad entrare in vigore nell'aprile del 2020, rappresenta, con ogni probabilità, una soluzione da «second best»; ma segnala indubbiamente un salto di qualità.

La (azione di) classe non è acqua

Paolo Pardolesi
2019

Abstract

L'azione di classe mira a consentire la gestione unitaria di controversie caratterizzate da una pluralità di attori titolari di una situazione giuridica comune. Laddove prevale la massificazione dei rapporti, il rimedio collettivo permette l'aggregazione di situazioni giuridiche distinte, con evidenti ricadute in termini di efficienza ed effettività. In sostanza, l'azione di classe può risultare provvida per realizzare economie di scala, specie a livello di «mass-torts»; ma si rivela davvero insostituibile quando siano in gioco istanze di modesto rilievo per il singolo, ancorché capaci di alimentare profitti consistenti per chi persegue se-rialmente un'attività illecita. A questa incisività — quando la si consegua — si accompagnano non pochi risvolti negativi. La ricetta dell'azione di classe si rivela, dunque, problematica, oscillando fra gli estremi dell'aggressiva versione statunitense e l'asfittico esercizio di stile dell'art. 140 bis cod. consumo. La nuova disciplina, destinata ad entrare in vigore nell'aprile del 2020, rappresenta, con ogni probabilità, una soluzione da «second best»; ma segnala indubbiamente un salto di qualità.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/243133
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact