Le ricerche condotte da tempo su attestazione e produzione di lucerne fittili nella Puglia di età preromana e romana hanno suggerito di procedere al censimento sistematico e al riesame critico della poderosa documentazione lychnologica custodita presso il Museo di Archeologia Urbana ‘Fiorelli’ di Lucera e, allo stato attuale, sostanzialmente inedita. Si tratta di una tra le più consistenti, antiche e importanti collezioni storiche di lucerne censite per l’area peninsulare italiana e ancora oggi conservata secondo il nucleo originario: una raccolta di oltre 200 esemplari costituitasi già a partire dal XIX secolo per l’apporto nel Museo di materiali plausibilmente rinvenuti nel comprensorio lucerino, generalmente legati a donazioni di privati o a rinvenimenti casuali e tipo-cronologicamente inquadrabili tra le manifatture di questa classe meglio note per l’Italia sudorientale tra il V sec. a.C. e il VII sec. d.C., con una più marcata attestazione dei tipi diffusi in età romana imperiale. Il peso considerevole che il Lucerinus ager ebbe nel quadro istituzionale ed economico della Apulia et Calabria e, più in generale, del Meridione adriatico in età romana; l’articolata tassonomia dei reperti considerati – alcuni in ottimo stato di conservazione, pur nell’ambito di un campione ordinariamente frammentario –; l’opportunità di effettuare mirate analisi archeometriche, foriere di interessanti informazioni soprattutto in riferimento ad alcuni oggetti che risultano scarti e resti di produzione; la possibilità di ricostruire le circostanze di rinvenimento di alcuni reperti e di istituire confronti pertinenti e solidi con contesti ceramici analoghi studiati di recente sia in area lucerina sia in siti viciniori (Herdonia, ambito garganico, Venusia, Gnatia, Tarentum) possono auspicabilmente garantire prospettive di interesse storico a una indagine archeologica appena avviata e di cui si rassegnano i promettenti e solidi esiti preliminari.

La collezione di lucerne del Museo di Archeologia Urbana ‘Fiorelli’ di Lucera: rapporto preliminare

Custode Silvio, Fioriello
2019

Abstract

Le ricerche condotte da tempo su attestazione e produzione di lucerne fittili nella Puglia di età preromana e romana hanno suggerito di procedere al censimento sistematico e al riesame critico della poderosa documentazione lychnologica custodita presso il Museo di Archeologia Urbana ‘Fiorelli’ di Lucera e, allo stato attuale, sostanzialmente inedita. Si tratta di una tra le più consistenti, antiche e importanti collezioni storiche di lucerne censite per l’area peninsulare italiana e ancora oggi conservata secondo il nucleo originario: una raccolta di oltre 200 esemplari costituitasi già a partire dal XIX secolo per l’apporto nel Museo di materiali plausibilmente rinvenuti nel comprensorio lucerino, generalmente legati a donazioni di privati o a rinvenimenti casuali e tipo-cronologicamente inquadrabili tra le manifatture di questa classe meglio note per l’Italia sudorientale tra il V sec. a.C. e il VII sec. d.C., con una più marcata attestazione dei tipi diffusi in età romana imperiale. Il peso considerevole che il Lucerinus ager ebbe nel quadro istituzionale ed economico della Apulia et Calabria e, più in generale, del Meridione adriatico in età romana; l’articolata tassonomia dei reperti considerati – alcuni in ottimo stato di conservazione, pur nell’ambito di un campione ordinariamente frammentario –; l’opportunità di effettuare mirate analisi archeometriche, foriere di interessanti informazioni soprattutto in riferimento ad alcuni oggetti che risultano scarti e resti di produzione; la possibilità di ricostruire le circostanze di rinvenimento di alcuni reperti e di istituire confronti pertinenti e solidi con contesti ceramici analoghi studiati di recente sia in area lucerina sia in siti viciniori (Herdonia, ambito garganico, Venusia, Gnatia, Tarentum) possono auspicabilmente garantire prospettive di interesse storico a una indagine archeologica appena avviata e di cui si rassegnano i promettenti e solidi esiti preliminari.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2019-ILA V_SIBIU 2015_Lucerne Museo Lucera.pdf

non disponibili

Descrizione: Contributo completo di frontespizio, sommario, referenze bibliografiche e iconografiche
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 5.41 MB
Formato Adobe PDF
5.41 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/242818
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact