La prassi gramsciana come critica dell'astrattismo gentiliano