Sannazaro e Virgilio. La poetica della diffrazione