Ripensare i formati, ripensare i metadati: prove “tecniche” di conservazione digitale