Un passo della III Filippica di Demostene (30-31), con la singolare maniera di tornare sul tema polemico della 'barbarie' dei Macedoni, offre l'opportunità di ridiscutere i diversi modi in cui quel tema fu declinato, e più in generale le diverse maniere di affrontare la questione della grecità non solo del popolo macedone, ma anche dei re. Alcune considerazioni sui termini impiegati da Demostene completano la trattazione.

Bastardi senza gloria. Filippo II e i Macedoni in Demostene IX 30-31

Mari Manuela
2015

Abstract

Un passo della III Filippica di Demostene (30-31), con la singolare maniera di tornare sul tema polemico della 'barbarie' dei Macedoni, offre l'opportunità di ridiscutere i diversi modi in cui quel tema fu declinato, e più in generale le diverse maniere di affrontare la questione della grecità non solo del popolo macedone, ma anche dei re. Alcune considerazioni sui termini impiegati da Demostene completano la trattazione.
8867602160
978-88-6760-216-2
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Bastardi senza gloria-Quaderni di Atene e Roma 2015.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 754.11 kB
Formato Adobe PDF
754.11 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/236806
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact