Editoriale SIRD: Giovani invisibili, educazione ostinata