Un riesame bibliologico e grafico dei frammenti lateranensi di Livio (Vat. lat. 10696), tra i più antichi esempi noti di scrittura onciale latina, offre la possibilità di avanzare una ipotesi di datazione più precisa, di localizzazione e di ricostruzione della facies originaria del codice dal quale essi provengono. Infine si propone una riconsiderazione del contributo recato da questo testimone alla storia della tradizione del testo liviano.

Antiche 'reliquie' di Livio. Riflessioni sul Vat. lat. 10696

paolo fioretti
2018

Abstract

Un riesame bibliologico e grafico dei frammenti lateranensi di Livio (Vat. lat. 10696), tra i più antichi esempi noti di scrittura onciale latina, offre la possibilità di avanzare una ipotesi di datazione più precisa, di localizzazione e di ricostruzione della facies originaria del codice dal quale essi provengono. Infine si propone una riconsiderazione del contributo recato da questo testimone alla storia della tradizione del testo liviano.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Antiche 'reliquie' di Livio.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 685.98 kB
Formato Adobe PDF
685.98 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/233788
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact