La tesi sostenuta nel saggio è che il contrasto al lavoro irregolare e allo sfruttamento in agricoltura richiede, più che un nuovo aggravamento dell’apparato sanzionatorio, una politica settoriale che induca le imprese a migliorare la propria produttività e la propria posizione sul mercato attraverso gli investimenti anziché comprimendo illecitamente i costi diretti e indiretti del lavoro. Al fine di delineare alcuni elementi di siffatta policy, pertanto, l’A. ricostruisce le dinamiche di potere nelle filiere produttive e nei rapporti di produzione procedendo altresì a una valutazione critica degli attuali assetti regolativi nazionali e regionali.

Rapporti lavorativi e legalità in agricoltura. Analisi e proposte

Pinto Vito
2019

Abstract

La tesi sostenuta nel saggio è che il contrasto al lavoro irregolare e allo sfruttamento in agricoltura richiede, più che un nuovo aggravamento dell’apparato sanzionatorio, una politica settoriale che induca le imprese a migliorare la propria produttività e la propria posizione sul mercato attraverso gli investimenti anziché comprimendo illecitamente i costi diretti e indiretti del lavoro. Al fine di delineare alcuni elementi di siffatta policy, pertanto, l’A. ricostruisce le dinamiche di potere nelle filiere produttive e nei rapporti di produzione procedendo altresì a una valutazione critica degli attuali assetti regolativi nazionali e regionali.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
21. DLRI 2019.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 271.62 kB
Formato Adobe PDF
271.62 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/232176
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact