La parte italiana del Journal de voyage di Montaigne, pubblicato nel 1774, ha sempre suscitato la curiosità dei lettori. Il viaggiatore Montaigne si fa un’idea dell’identità italiana anche attraverso la lingua orale e scritta. Ma di quale lingua? Questo è il problema. Perché la situazione linguistica italiana, soprattutto in Toscana, all’epoca del viaggio di Montaigne, è molto complessa, con posizioni teoriche molto diverse. Montaigne confonde ancora di più le piste dell’analisi arricchendo il suo uso della lingua con la frequentazione di gente del popolo con cui gli piace discutere.

Readers have always been interested in the Italian text of Montaigne’s Journal de voyage, published in 1774. During his journey, Montaigne pays attention to the features of the oral and written language and these elements contribute to shaping his idea of the Italian identity in a wider perspective. But what language? In Tuscany, in 1580, the different theoric positions on the topic of the Italian language were very articulated. Montaigne’s opinion is difficult to grasp because little is known about his awareness of the Italian linguistic and political situation; during his journey, he practiced conversation with everyone he met.

"Il più perfetto favellare della Toscana": les Italiens et leur langue selon Montaigne

Cavallini
2018

Abstract

Readers have always been interested in the Italian text of Montaigne’s Journal de voyage, published in 1774. During his journey, Montaigne pays attention to the features of the oral and written language and these elements contribute to shaping his idea of the Italian identity in a wider perspective. But what language? In Tuscany, in 1580, the different theoric positions on the topic of the Italian language were very articulated. Montaigne’s opinion is difficult to grasp because little is known about his awareness of the Italian linguistic and political situation; during his journey, he practiced conversation with everyone he met.
La parte italiana del Journal de voyage di Montaigne, pubblicato nel 1774, ha sempre suscitato la curiosità dei lettori. Il viaggiatore Montaigne si fa un’idea dell’identità italiana anche attraverso la lingua orale e scritta. Ma di quale lingua? Questo è il problema. Perché la situazione linguistica italiana, soprattutto in Toscana, all’epoca del viaggio di Montaigne, è molto complessa, con posizioni teoriche molto diverse. Montaigne confonde ancora di più le piste dell’analisi arricchendo il suo uso della lingua con la frequentazione di gente del popolo con cui gli piace discutere.
La partie italienne du Journal de voyage de Montaigne, publié en 1774, a toujours suscité la curiosité des lecteurs. Le voyageur Montaigne se fait une idée de l’identité italienne aussi par la langue, orale et écrite. Mais quelle langue ? Voilà la question. Car la situation linguistique italienne, surtout en Toscane, est très complexe, à l’époque du passage de Montaigne, avec des positions théoriques très différentes. Montaigne brouille encore davantage les pistes d’analyse, car son emploi de la langue s’enrichit par la fréquentation des gens du peuple, avec qui il aime discuter.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
cei-5179.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 315.79 kB
Formato Adobe PDF
315.79 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/231972
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact