L'art. 23 T.U.F., tra formalismo ed efficienza allocativa