Non viola l'articolo 8 CEDU la decisione delle autorità italiane di allontanare il minore nato all'estero ricorrendo alla maternità surrogata. Laddove manchino legami biologici tra minore ed aspiranti genitori e vi sia una breve durata dei rapporti, l'articolo 8 non rileva quanto alla vita familiare. Esso trova applicazione in relazione alla nozione di vita privata, con riguardo all'allontanamento del minore e al suo collocamento in vista dell'adozione. Tale interferenza non viola l'articolo 8, se conforme alla legge, se ha perseguito uno o più obiettivi legittimi e se è necessaria in una società democratica per il raggiungimento di tali obiettivi.

La Grande Camera della Corte di Strasburgo ritorna sulla maternità surrogata

pizzolante G
2017

Abstract

Non viola l'articolo 8 CEDU la decisione delle autorità italiane di allontanare il minore nato all'estero ricorrendo alla maternità surrogata. Laddove manchino legami biologici tra minore ed aspiranti genitori e vi sia una breve durata dei rapporti, l'articolo 8 non rileva quanto alla vita familiare. Esso trova applicazione in relazione alla nozione di vita privata, con riguardo all'allontanamento del minore e al suo collocamento in vista dell'adozione. Tale interferenza non viola l'articolo 8, se conforme alla legge, se ha perseguito uno o più obiettivi legittimi e se è necessaria in una società democratica per il raggiungimento di tali obiettivi.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/231531
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact