Dopo la riforma del diritto di famiglia del 1975 si è sviluppata in Ita­lia, grazie anche ai cambiamenti verificatisi nei consessi europee, una nuova attenzione nei riguardi della condizione minorile, in particole modo delle sue condizioni di vita, dei suoi bisogni e delle sue esigenze educative. L'ordinamento giuridico italiano ha incominciato a riconoscere che il mi­nore non può essere solo destinatario di norme giuridiche di protezione, ma deve essere riconosciuto come titolare di diritti e che questi devono essere garantiti.

La centralità dell'interesse del minore nelle dinamiche dei rapporti familiari

santoro roberta
2008

Abstract

Dopo la riforma del diritto di famiglia del 1975 si è sviluppata in Ita­lia, grazie anche ai cambiamenti verificatisi nei consessi europee, una nuova attenzione nei riguardi della condizione minorile, in particole modo delle sue condizioni di vita, dei suoi bisogni e delle sue esigenze educative. L'ordinamento giuridico italiano ha incominciato a riconoscere che il mi­nore non può essere solo destinatario di norme giuridiche di protezione, ma deve essere riconosciuto come titolare di diritti e che questi devono essere garantiti.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
2008 - Stettino.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 1.77 MB
Formato Adobe PDF
1.77 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/231241
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact