Cronia e il «labirinto glagolitico» tra storia e filologia