Da Edmondo De Amicis a Federico García Lorca sul "filo" di una metafora