Il recente aumento degli sbarchi e dei flussi migratori ha reso necessaria la comprensione dei fattori legati alla salute mentale dei minori rifugiati, costretti a lasciare il luogo di residenza. Pertanto, il presente studio mirava a valutare la presenza di disturbo da stress post-traumatico e sintomi correlati in un gruppo di minori rifugiati non accompagnati. Inoltre, è stata esaminata sia la presenza di differenze statisticamente significative in funzione dei dati anamnestici, sia l'impatto di eventi di vita stressanti sperimentati prima della migrazione, durante la migrazione e dopo la migrazione. Un campione di minori stranieri non accompagnati (n = 17) è stato selezionato in una comunità residenziale per minori richiedenti asilo. Tutte le analisi sono state condotte utilizzando il test del rapporto di verosimiglianza, la ρ di Spearman e la correlazione di Pearson per determinare la presenza di correlazioni significative. I dati hanno mostrato che l'88,2% dei minori rientrava nel range di cut-off, indicando una probabile presenza di sintomi legati al disturbo. Il LR test ha evidenziato come la presenza di sintomi (tendenze dissociative e disturbi internalizzanti / esternalizzanti) fosse significativamente correlata all'età dei rifugiati (p = 0,047, α = 0,05) e al numero di eventi traumatici (p = 0,049, α = 0,05 ). Questi risultati suggeriscono come la migrazione dei minori possa costituire un evento stressante. Quindi, studi futuri dovrebbero esplorare anche la resilienza e i meccanismi di coping.

Negletti e/o invisibili? Le radici del fenomeno odisseico dei minori stranieri non accompagnati (MSNA), tra esposizione ad eventi traumatici ed alterazioni del funzionamento psichico

Toma Ernesto
2018

Abstract

Il recente aumento degli sbarchi e dei flussi migratori ha reso necessaria la comprensione dei fattori legati alla salute mentale dei minori rifugiati, costretti a lasciare il luogo di residenza. Pertanto, il presente studio mirava a valutare la presenza di disturbo da stress post-traumatico e sintomi correlati in un gruppo di minori rifugiati non accompagnati. Inoltre, è stata esaminata sia la presenza di differenze statisticamente significative in funzione dei dati anamnestici, sia l'impatto di eventi di vita stressanti sperimentati prima della migrazione, durante la migrazione e dopo la migrazione. Un campione di minori stranieri non accompagnati (n = 17) è stato selezionato in una comunità residenziale per minori richiedenti asilo. Tutte le analisi sono state condotte utilizzando il test del rapporto di verosimiglianza, la ρ di Spearman e la correlazione di Pearson per determinare la presenza di correlazioni significative. I dati hanno mostrato che l'88,2% dei minori rientrava nel range di cut-off, indicando una probabile presenza di sintomi legati al disturbo. Il LR test ha evidenziato come la presenza di sintomi (tendenze dissociative e disturbi internalizzanti / esternalizzanti) fosse significativamente correlata all'età dei rifugiati (p = 0,047, α = 0,05) e al numero di eventi traumatici (p = 0,049, α = 0,05 ). Questi risultati suggeriscono come la migrazione dei minori possa costituire un evento stressante. Quindi, studi futuri dovrebbero esplorare anche la resilienza e i meccanismi di coping.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
19 Pepe Toma.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 815.9 kB
Formato Adobe PDF
815.9 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/230809
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact