Il mondo in cui viviamo non è naturalmente levigato ma è ruvido e frammentario e, data la sua complessità e irregolarità, non può essere spiegato attraverso la matematica classica. Lo scienziato francese Benoît Mandelbrot (1924-2010) è riuscito a formalizzare un metodo per descrivere e rappresentare «la rugosità» della natura. A scriverne è Carla Petrocelli, docente di Storia e fondamenti di Informatica e Laboratorio di Informatica nel Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Bari “Aldo Moro”: le sue ricerche riguardano in particolare l’analisi computazionale della letteratura scientifica del Seicento e l’evoluzione dei sistemi automatici di calcolo e dei linguaggi di programmazione.

Il liscio, il ruvido, il meraviglioso: l’infinito nascosto nell’infinitesimo

Carla Petrocelli
2019

Abstract

Il mondo in cui viviamo non è naturalmente levigato ma è ruvido e frammentario e, data la sua complessità e irregolarità, non può essere spiegato attraverso la matematica classica. Lo scienziato francese Benoît Mandelbrot (1924-2010) è riuscito a formalizzare un metodo per descrivere e rappresentare «la rugosità» della natura. A scriverne è Carla Petrocelli, docente di Storia e fondamenti di Informatica e Laboratorio di Informatica nel Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Bari “Aldo Moro”: le sue ricerche riguardano in particolare l’analisi computazionale della letteratura scientifica del Seicento e l’evoluzione dei sistemi automatici di calcolo e dei linguaggi di programmazione.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Carla Petrocelli- Incroci.pdf

accesso aperto

Descrizione: Il liscio, il ruvido, il meraviglioso: l’infinito nascosto nell’infinitesimo
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione 133.7 kB
Formato Adobe PDF
133.7 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/230789
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact