Il liscio, il ruvido, il meraviglioso: l’infinito nascosto nell’infinitesimo