Soggettività e culture in movimento: narrare dallo spazio della non appartenenza