Sette studiosi americani e italiani si confrontano su temi fondamentali per le origini del pensiero moderno: origini che sono scientifiche, filosofiche, politiche e religiose insieme. Galileo Galilei costringe, infatti, ogni studioso che si accosti a lui a dover fare i conti non solo con le sue scoperte scientifiche o con il suo linguaggio filosofico, ma anche con questioni teologiche e “affari” di Corte. Potere e scienza, fede e politica sono gli ingredienti unici e irripetibili di una stagione che vede protagonista Università, Accademie e alcuni degli apparati più influenti della Chiesa post-tridentina. Non si finirà mai di costruire e decostruire il contesto “barocco” di Galileo: le sue sfide alla tradizione, i suoi incontri e scontri con il sistema scientifico e filosofico, la sua appartenenza alla élite culturale europea, la sua avvedutezza nella ricerca di consensi politici e teologici. Questo volume, con i suoi contributi e i testi classici riprodotti, vuole rimettere al centro la figura dello scienziato pisano attraverso la lente d’ingrandimento della Lettera a Cristina di Lorena che è insieme, lettera e trattato, apologia della nuova scienza e difesa del cattolicesimo, perché come Galileo stesso amava dire, non è nelle sue intenzioni affermare la falsità della Bibbia perché “nostra opinione è che le Scritture benissimo concordino con le verità naturali dimonstrate”.

Galileo e le cosiddette "teologie amiche": lo strano caso di Tommaso Campanella e Paolo Antonio Foscarini

Paolo Ponzio
2019

Abstract

Sette studiosi americani e italiani si confrontano su temi fondamentali per le origini del pensiero moderno: origini che sono scientifiche, filosofiche, politiche e religiose insieme. Galileo Galilei costringe, infatti, ogni studioso che si accosti a lui a dover fare i conti non solo con le sue scoperte scientifiche o con il suo linguaggio filosofico, ma anche con questioni teologiche e “affari” di Corte. Potere e scienza, fede e politica sono gli ingredienti unici e irripetibili di una stagione che vede protagonista Università, Accademie e alcuni degli apparati più influenti della Chiesa post-tridentina. Non si finirà mai di costruire e decostruire il contesto “barocco” di Galileo: le sue sfide alla tradizione, i suoi incontri e scontri con il sistema scientifico e filosofico, la sua appartenenza alla élite culturale europea, la sua avvedutezza nella ricerca di consensi politici e teologici. Questo volume, con i suoi contributi e i testi classici riprodotti, vuole rimettere al centro la figura dello scienziato pisano attraverso la lente d’ingrandimento della Lettera a Cristina di Lorena che è insieme, lettera e trattato, apologia della nuova scienza e difesa del cattolicesimo, perché come Galileo stesso amava dire, non è nelle sue intenzioni affermare la falsità della Bibbia perché “nostra opinione è che le Scritture benissimo concordino con le verità naturali dimonstrate”.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Bfq29_Galileo_P.pdf

non disponibili

Descrizione: intero libro
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 5.46 MB
Formato Adobe PDF
5.46 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/230128
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact