Il moltiplicarsi degli enti confessionali che svolgono, accanto a quelle di culto e religione, anche attività secondarie (ricettivo-alberghiere, assistenziali, scolastiche o culturali) ha comportato un incremento degli interventi giudiziari per la demarcazione, ai fini delle esenzioni tributarie, del confine tra le attività istituzionali, non lucrative, e quelle imprenditoriali. Il carattere ecclesiastico, il fine di religione o di culto di un’associazione o istituzione se, ai sensi art. 20 Cost., non possono essere causa di speciali gravami fiscali, né dar luogo a “vantaggio selettivo” o a speciali agevolazioni legislative tali da alterare il regime di “neutralità dello Stato in materia religiosa”. La condizione discriminante che grava sugli enti di confessioni prive di Intesa, o persino del riconoscimento giuridico, induce, ad una alterazione che, occludendo l’accesso alle agevolazioni pubbliche, nega loro l’eguale libertà di organizzarsi ed operare. I Centri culturali islamici, i Gurdwara Sikh sono in un limbo, in cui si realizza una discriminazione nell'applicazione della disciplina “posta da una legge comune, volta ad agevolare l’esercizio di un diritto di libertà dei cittadini”, realizzandosi la violazione del principio affermato nell’art. 8, co 1 Cost. Quali modelli associativi può scegliere l’ente confessionale perché quella del diritto comune delle esenzioni sia una via percorribile?

Confessioni senza intesa e attività di impresa: profili tributari

laura sabrina martucci
2018

Abstract

Il moltiplicarsi degli enti confessionali che svolgono, accanto a quelle di culto e religione, anche attività secondarie (ricettivo-alberghiere, assistenziali, scolastiche o culturali) ha comportato un incremento degli interventi giudiziari per la demarcazione, ai fini delle esenzioni tributarie, del confine tra le attività istituzionali, non lucrative, e quelle imprenditoriali. Il carattere ecclesiastico, il fine di religione o di culto di un’associazione o istituzione se, ai sensi art. 20 Cost., non possono essere causa di speciali gravami fiscali, né dar luogo a “vantaggio selettivo” o a speciali agevolazioni legislative tali da alterare il regime di “neutralità dello Stato in materia religiosa”. La condizione discriminante che grava sugli enti di confessioni prive di Intesa, o persino del riconoscimento giuridico, induce, ad una alterazione che, occludendo l’accesso alle agevolazioni pubbliche, nega loro l’eguale libertà di organizzarsi ed operare. I Centri culturali islamici, i Gurdwara Sikh sono in un limbo, in cui si realizza una discriminazione nell'applicazione della disciplina “posta da una legge comune, volta ad agevolare l’esercizio di un diritto di libertà dei cittadini”, realizzandosi la violazione del principio affermato nell’art. 8, co 1 Cost. Quali modelli associativi può scegliere l’ente confessionale perché quella del diritto comune delle esenzioni sia una via percorribile?
978-88-6611-744-5
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
9788866117445 – Religioni, diritto e regole dell’economia – Estratto Martucci.pdf

non disponibili

Descrizione: articolo in volume sottoposto a referee
Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 554.33 kB
Formato Adobe PDF
554.33 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/229194
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact