«O predestinazion, quanto remota è la radice tua». Il canto XX del Paradiso