«Un mondo del tutto sconosciuto da doversi discovrire»: Domenico Forges Davanzati e gli studi di geografia antica