L’«ACQUA-BENE COMUNE» E LA GESTIONE DEI SERVIZI IDRICI INTEGRATI TRA PUBBLICO, PRIVATO E DEMOCRAZIA