Testo greco, traduzione italiana e note di commento dei capitoli 145-157 relativi ai Lessicografi nella "Biblioteca" di Fozio. Nel secolo in cui l’impero bizantino è di fatto la più grande potenza mediterranea, la figura del patriarca Fozio (ca. 820-891) domina la scena della «seconda Roma», capitale dell’impero. Grande battistrada dell’umanesimo, grande teologo, due volte patriarca ecumenico, pugnace avversario delle aspirazioni romane al primato, è considerato dal mondo cattolico pur sempre come un avversario, mentre dal mondo ortodosso solo tardi fu assunto come santo. Il suo nome è legato, per gli studiosi della letteratura greca antica e protobizantina, all’imponente repertorio, definito sommariamente Biblioteca, che in 280 capitoli riassume, analizza, sottopone a critica e in larga parte trascrive varie centinaia di autori: profani e cristiani, molto spesso per noi altrimenti perduti. La Biblioteca non era certo destinata alla circolazione libraria: nacque come strumento di difesa della cerchia raccoltasi intorno al patriarca e variamente bersagliata dall’ala oltranzista della Chiesa d’Oriente. L’opera alla quale egli probabilmente intendeva legare il suo nome era semmai l’intensa pubblicistica teologica e dottrinaria che occupa quasi per intero un paio di tomi della Patrologia greca. In questo volume viene finalmente offerta ai lettori la prima traduzione italiana integrale della Biblioteca. Al tempo stesso un commento sistematico ed essenziale accompagna il lettore nella selva fittissima della erudizione racchiusa in questo autentico «tesoro», come i grandi umanisti amarono definire la Biblioteca foziana. A fronte figura il testo greco, migliorato rispetto all’unica moderna edizione circolante, quella della “Collection Budé”. Al termine, l’indice analitico di Immanuel Bekker fornisce al lettore una preziosa chiave per la consultazione. L'opera costituisce la prima traduzione italiana integrale della "Biblioteca" di Fozio, accompagnata dal testo greco rivisto e da note di commento. All'interno dell'opera il capitolo su Giulio Africano (34) corrisponde alle pp. LXXXVII (nota di revisione del testo), 23 (testo greco e traduzione), 969-971 (note di commento); i capitoli sui Lessicografi (145-157) corrispondono alle pp. LXXXVIII (nota di revisione del testo), 179-181 (testo greco e traduzione), 1045-1048 (note di commento); il capitolo su Conone (186) corrisponde alle pp. LXXXIX (note di revisione del testo), 233-254 (testo greco e traduzione), 1069-1080 (note di commento).

Fozio, Biblioteca, cap. 152 (Elio Dionisio di Alicarnasso)

Otranto, Rosa
2016

Abstract

Testo greco, traduzione italiana e note di commento dei capitoli 145-157 relativi ai Lessicografi nella "Biblioteca" di Fozio. Nel secolo in cui l’impero bizantino è di fatto la più grande potenza mediterranea, la figura del patriarca Fozio (ca. 820-891) domina la scena della «seconda Roma», capitale dell’impero. Grande battistrada dell’umanesimo, grande teologo, due volte patriarca ecumenico, pugnace avversario delle aspirazioni romane al primato, è considerato dal mondo cattolico pur sempre come un avversario, mentre dal mondo ortodosso solo tardi fu assunto come santo. Il suo nome è legato, per gli studiosi della letteratura greca antica e protobizantina, all’imponente repertorio, definito sommariamente Biblioteca, che in 280 capitoli riassume, analizza, sottopone a critica e in larga parte trascrive varie centinaia di autori: profani e cristiani, molto spesso per noi altrimenti perduti. La Biblioteca non era certo destinata alla circolazione libraria: nacque come strumento di difesa della cerchia raccoltasi intorno al patriarca e variamente bersagliata dall’ala oltranzista della Chiesa d’Oriente. L’opera alla quale egli probabilmente intendeva legare il suo nome era semmai l’intensa pubblicistica teologica e dottrinaria che occupa quasi per intero un paio di tomi della Patrologia greca. In questo volume viene finalmente offerta ai lettori la prima traduzione italiana integrale della Biblioteca. Al tempo stesso un commento sistematico ed essenziale accompagna il lettore nella selva fittissima della erudizione racchiusa in questo autentico «tesoro», come i grandi umanisti amarono definire la Biblioteca foziana. A fronte figura il testo greco, migliorato rispetto all’unica moderna edizione circolante, quella della “Collection Budé”. Al termine, l’indice analitico di Immanuel Bekker fornisce al lettore una preziosa chiave per la consultazione. L'opera costituisce la prima traduzione italiana integrale della "Biblioteca" di Fozio, accompagnata dal testo greco rivisto e da note di commento. All'interno dell'opera il capitolo su Giulio Africano (34) corrisponde alle pp. LXXXVII (nota di revisione del testo), 23 (testo greco e traduzione), 969-971 (note di commento); i capitoli sui Lessicografi (145-157) corrispondono alle pp. LXXXVIII (nota di revisione del testo), 179-181 (testo greco e traduzione), 1045-1048 (note di commento); il capitolo su Conone (186) corrisponde alle pp. LXXXIX (note di revisione del testo), 233-254 (testo greco e traduzione), 1069-1080 (note di commento).
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Fozio, Lessicografi.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Post-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 1.02 MB
Formato Adobe PDF
1.02 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/227229
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact