Vibrazioni, superfici, linie, forme. La riflessione sulle arti nel primo Hugo Ball