La ratio della norma, non modificata dalla riforma del diritto di famiglia del ‘75, era rappresentata, e lo è tuttora, dall’efficacia preclusiva dell’atto di nascita che attestava lo stato di figlio legittimo o naturale rispetto a un riconoscimento successivo, o dopo la riforma sulla filiazione del 2012/2013, di figlio nato all’interno del matrimonio o al di fuori di esso. L’art. 11, ult. co., l. 4.5.1983 n. 184 (legge sull’adozione) prevede che sia privo di efficacia il riconoscimento del minore dichiarato adottabile. Il riconoscimento, tuttavia, potrebbe riacquistare efficacia, qualora sopraggiunga la revoca dell’affidamento preadottivo. L’incompatibilità tra due atti di accertamento determina l’impossibilità di un riconoscimento nei confronti di un figlio che ha già acquistato il suo status, ormai unico a séguito della l. 10.12.2012 n. 219, Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. Si tratterebbe di un contrasto tra due certezze giuridiche tra loro incompatibili.

Commento all'art. 253

Valeria Corriero
2018

Abstract

La ratio della norma, non modificata dalla riforma del diritto di famiglia del ‘75, era rappresentata, e lo è tuttora, dall’efficacia preclusiva dell’atto di nascita che attestava lo stato di figlio legittimo o naturale rispetto a un riconoscimento successivo, o dopo la riforma sulla filiazione del 2012/2013, di figlio nato all’interno del matrimonio o al di fuori di esso. L’art. 11, ult. co., l. 4.5.1983 n. 184 (legge sull’adozione) prevede che sia privo di efficacia il riconoscimento del minore dichiarato adottabile. Il riconoscimento, tuttavia, potrebbe riacquistare efficacia, qualora sopraggiunga la revoca dell’affidamento preadottivo. L’incompatibilità tra due atti di accertamento determina l’impossibilità di un riconoscimento nei confronti di un figlio che ha già acquistato il suo status, ormai unico a séguito della l. 10.12.2012 n. 219, Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. Si tratterebbe di un contrasto tra due certezze giuridiche tra loro incompatibili.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
CodiceCivile art 253_Commento_Valeria Corriero.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 469.23 kB
Formato Adobe PDF
469.23 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/226623
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact