Il presente scritto esamina la sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea nel caso Coman. La causa riguardava il riconoscimento del diritto di soggiorno al coniuge dello stesso sesso di un cittadino europeo. La peculiarità del caso si deve alla circostanza che il cittadino UE era rientrato nel suo Stato di origine in cui è previsto il divieto di matrimoni tra persone dello stesso sesso. Per la prima volta la Corte definisce la nozione di "coniuge" presente nella direttiva 2004/38 sulla libera circolazione e il diritto di soggiorno dei cittadini dell'UE.

Il diritto di soggiorno del coniuge dello stesso sesso al vaglio della Corte UE

Di Comite, Valeria
2018

Abstract

Il presente scritto esamina la sentenza della Corte di Giustizia dell'Unione Europea nel caso Coman. La causa riguardava il riconoscimento del diritto di soggiorno al coniuge dello stesso sesso di un cittadino europeo. La peculiarità del caso si deve alla circostanza che il cittadino UE era rientrato nel suo Stato di origine in cui è previsto il divieto di matrimoni tra persone dello stesso sesso. Per la prima volta la Corte definisce la nozione di "coniuge" presente nella direttiva 2004/38 sulla libera circolazione e il diritto di soggiorno dei cittadini dell'UE.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Il diritto di soggiorno Di Comite_dicembre_2018.pdf

accesso aperto

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: Creative commons
Dimensione 260.95 kB
Formato Adobe PDF
260.95 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/226579
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact