Richard Rorty e la riduzione della crudeltà. Ermeneutica, conversazione e solidarietà come pratiche di non-violenza