L’accordo del 28 giugno: cambia ancora la struttura contrattuale?