Alcune osservazioni sulla ricezione bizantina del De Trinitate di Agostino