I ritmi circadiani sono variazioni cicliche endogene regolate da un pacemaker sito nel nucleo soprachiasmatico (SCN) dell’ipotalamo, che consentono fluttuazioni quotidiane delle attività biochimiche, fisiologiche e comportamentali. Grazie a studi condotti sui roditori, tuttavia, si è visto che il meccanismo molecolare che controlla l’attività circadiana è espresso non solo nel SNC, ma anche in quasi tutti i tessuti periferici. Diversi ormoni presentano oscillazioni su base circadiana, e mostrano un rilascio regolato da stimoli ambientali quali l’alimentazione e i cicli luce-buio. In un recente studio si è visto come abitudini dietetiche diverse determinino una variabile espressione genica nei tessuti periferici che è possibile studiare tramite le variazioni dell’espressione genica nelle cellule mononucleate del sangue (PBMC). Scopo del nostro studio è quello di indagare le variazioni di espressione genica nei PBMCs di operatori sanitari classificati in base al tipo di turnazione lavorativa ed esposizione professionale a radiazioni ionizzanti al fine di individuare nuovi markers circolanti associati ad alterazioni metaboliche dovute a condizioni lavorative che determinano variazioni nel ritmo circadiano. Sono stati raccolti i dati anamnestici ed antropometrici di oltre 100 operatori sanitari reclutati con criterio random. Tutti i soggetti sono stati sottoposti ad un prelievo ematico per la determinazione degli indici biochimico-sierici e per l’isolamento dei PBMCs. I dati preliminari suggeriscono una possibile associazione tra lavoro a turni e notturno e/o radioesposizione e la presenza di steatosi epatica. Ulteriori dati saranno ricavati dalle successive analisi di espressione genica.

Sindrome metabolica e lavoro

Marilidia Piglionica;Luigi De Maria;Piero Lovreglio;Luigi Vimercati;Carlo Sabbà;Leonardo Soleo;Antonio Moschetta
2018

Abstract

I ritmi circadiani sono variazioni cicliche endogene regolate da un pacemaker sito nel nucleo soprachiasmatico (SCN) dell’ipotalamo, che consentono fluttuazioni quotidiane delle attività biochimiche, fisiologiche e comportamentali. Grazie a studi condotti sui roditori, tuttavia, si è visto che il meccanismo molecolare che controlla l’attività circadiana è espresso non solo nel SNC, ma anche in quasi tutti i tessuti periferici. Diversi ormoni presentano oscillazioni su base circadiana, e mostrano un rilascio regolato da stimoli ambientali quali l’alimentazione e i cicli luce-buio. In un recente studio si è visto come abitudini dietetiche diverse determinino una variabile espressione genica nei tessuti periferici che è possibile studiare tramite le variazioni dell’espressione genica nelle cellule mononucleate del sangue (PBMC). Scopo del nostro studio è quello di indagare le variazioni di espressione genica nei PBMCs di operatori sanitari classificati in base al tipo di turnazione lavorativa ed esposizione professionale a radiazioni ionizzanti al fine di individuare nuovi markers circolanti associati ad alterazioni metaboliche dovute a condizioni lavorative che determinano variazioni nel ritmo circadiano. Sono stati raccolti i dati anamnestici ed antropometrici di oltre 100 operatori sanitari reclutati con criterio random. Tutti i soggetti sono stati sottoposti ad un prelievo ematico per la determinazione degli indici biochimico-sierici e per l’isolamento dei PBMCs. I dati preliminari suggeriscono una possibile associazione tra lavoro a turni e notturno e/o radioesposizione e la presenza di steatosi epatica. Ulteriori dati saranno ricavati dalle successive analisi di espressione genica.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Sindrome Metabolica e Lavoro.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Versione Editoriale
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 992.89 kB
Formato Adobe PDF
992.89 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11586/223011
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact