La scuola di oggi dovrà ritrovare le ragioni di senso soprattutto in ragione dell'educazione e della formazione di quelle fasce più deboli al fine di evitare lo spreco delle risorse umane contenere il fenomeno della dispersione scolastica. Ciò richiede diversi interventi da quelli della formazione dei docenti, ai contenuti del sapere, agli spazi educativi e formativi presenti sul territorio.

Sette lettere aperte al Ministro della Pubblica Istruzione Francesco Profumo

ELIA, Giuseppe
2012

Abstract

La scuola di oggi dovrà ritrovare le ragioni di senso soprattutto in ragione dell'educazione e della formazione di quelle fasce più deboli al fine di evitare lo spreco delle risorse umane contenere il fenomeno della dispersione scolastica. Ciò richiede diversi interventi da quelli della formazione dei docenti, ai contenuti del sapere, agli spazi educativi e formativi presenti sul territorio.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Sette lettere aperte al Ministro della Pubblica Istruzione.pdf

non disponibili

Tipologia: Documento in Pre-print
Licenza: NON PUBBLICO - Accesso privato/ristretto
Dimensione 830.95 kB
Formato Adobe PDF
830.95 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/22032
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact