Questo volume nasce nel tempo in cui lo spazio geografico è un punto di riferimento costante nelle scienze sociali e umane. È l’effetto dello spatial turn avvenuto con il postmodernismo e il postcolonialismo, quasi a segnalare la necessità impellente di riflettere sui modi della costruzione dello spazio, sociale o culturale che sia. Il tentativo è quello di raccontare, conoscere, criticare, “difendere” quella parte variegata del mondo che ha come nome “Sud”, nella convinzione che bisogna continuare a indicare strade e prospettive... da sud. È un’imprudenza sostenuta dalla consapevolezza che se il Sud ha un pensiero da avanzare lo fa dalla posizione del grado zero del potere, visto che da almeno cinque secoli il mondo è guidato da nord, quel Nord che, mentre sconvolgeva il pianeta con le sue rivoluzioni materiali e culturali, guardava al Sud o con occhi indulgenti o con occhi severi, quasi sempre con aria di superiorità. Il libro nasce poi in quella regione europea che ha “inventato” la questione meridionale, paradossalmente proprio nel momento in cui Meridione e Settentrione si dovevano unire. Questo paradosso si scioglie come neve al sole non appena si ricorda che un’espressione molto usata per il Mezzogiorno nei carteggi dei patrioti unitari e post-unitari settentrionali era “Questa è Affrica!” Per alcuni questa parte d’Italia lo è ancora, ma c’è una questione meridionale planetaria, e quest’Africa europea è chiamata in causa d’ufficio dall’incalzare sempre più pressante della Storia, adesso che da terra di emigranti è diventata terra di immigrati, e il confronto con i fantasmi del passato diventa inevitabile e doveroso.

Orizzonte Sud. Sguardi, prospettive, studi disciplinari su Mezzogiorno, Mediterraneo e Sud globale

CAZZATO, Luigi Carmine
2011

Abstract

Questo volume nasce nel tempo in cui lo spazio geografico è un punto di riferimento costante nelle scienze sociali e umane. È l’effetto dello spatial turn avvenuto con il postmodernismo e il postcolonialismo, quasi a segnalare la necessità impellente di riflettere sui modi della costruzione dello spazio, sociale o culturale che sia. Il tentativo è quello di raccontare, conoscere, criticare, “difendere” quella parte variegata del mondo che ha come nome “Sud”, nella convinzione che bisogna continuare a indicare strade e prospettive... da sud. È un’imprudenza sostenuta dalla consapevolezza che se il Sud ha un pensiero da avanzare lo fa dalla posizione del grado zero del potere, visto che da almeno cinque secoli il mondo è guidato da nord, quel Nord che, mentre sconvolgeva il pianeta con le sue rivoluzioni materiali e culturali, guardava al Sud o con occhi indulgenti o con occhi severi, quasi sempre con aria di superiorità. Il libro nasce poi in quella regione europea che ha “inventato” la questione meridionale, paradossalmente proprio nel momento in cui Meridione e Settentrione si dovevano unire. Questo paradosso si scioglie come neve al sole non appena si ricorda che un’espressione molto usata per il Mezzogiorno nei carteggi dei patrioti unitari e post-unitari settentrionali era “Questa è Affrica!” Per alcuni questa parte d’Italia lo è ancora, ma c’è una questione meridionale planetaria, e quest’Africa europea è chiamata in causa d’ufficio dall’incalzare sempre più pressante della Storia, adesso che da terra di emigranti è diventata terra di immigrati, e il confronto con i fantasmi del passato diventa inevitabile e doveroso.
978-88-497-0759-5
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/21734
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact