Nel 1889 Arthur McGiffert pubblicò l’editio princeps di un dialogo anonimo tra un monaco cristiano e due giudei, Papisco e Filone, collocandone la composizione nell’Egitto di VII secolo. Nei decenni successivi, ma soprattutto negli ultimi anni, sono stati segnalati numerosi altri manoscritti ed è stato notato che quanto si legge in molti dei codici diverge profondamente dal testo edito. L’analisi della tradizione manoscritta del Dialogo di Papisco e Filone – assai più ricca di quanto si ritenesse, ma anche complessa e caratterizzata da processi di contaminazione e di manipolazione del testo – consente di affermare che l’opera è in realtà un coacervo di unità testuali di diversa provenienza.

Papisco e Filone (Dialogo di),

AULISA, Immacolata
2008

Abstract

Nel 1889 Arthur McGiffert pubblicò l’editio princeps di un dialogo anonimo tra un monaco cristiano e due giudei, Papisco e Filone, collocandone la composizione nell’Egitto di VII secolo. Nei decenni successivi, ma soprattutto negli ultimi anni, sono stati segnalati numerosi altri manoscritti ed è stato notato che quanto si legge in molti dei codici diverge profondamente dal testo edito. L’analisi della tradizione manoscritta del Dialogo di Papisco e Filone – assai più ricca di quanto si ritenesse, ma anche complessa e caratterizzata da processi di contaminazione e di manipolazione del testo – consente di affermare che l’opera è in realtà un coacervo di unità testuali di diversa provenienza.
978-88-211-6742-3
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/21324
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact