Favola e paideia tra Oziosi e Barberini