La funzione civile delle lettere, l’habitus del magistrato e di colui che detiene il potere, il nesso verità-menzogna nelle favole dei poeti e la loro pubblica utilità, sono alcune tra le principali questioni affrontate nel saggio che propone anche l’edizione della Lezione accademica in lode della favola dell’agostiniano Niceforo Sebasta, edizione fondata sul testimone a stampa conservato presso la Biblioteca Apostolica Vaticana. La pagina di Niceforo, letta nell’Accademia degli Oziosi, ma dedicata a Carlo e Maffeo Barberini, dà voce alla riflessione classica e umanistica sulla poesia e contribuisce in modo significativo alla conoscenza della cultura barberiniana

Favola e paideia tra Oziosi e Barberini

CASTELLANETA, STELLA MARIA
2009

Abstract

La funzione civile delle lettere, l’habitus del magistrato e di colui che detiene il potere, il nesso verità-menzogna nelle favole dei poeti e la loro pubblica utilità, sono alcune tra le principali questioni affrontate nel saggio che propone anche l’edizione della Lezione accademica in lode della favola dell’agostiniano Niceforo Sebasta, edizione fondata sul testimone a stampa conservato presso la Biblioteca Apostolica Vaticana. La pagina di Niceforo, letta nell’Accademia degli Oziosi, ma dedicata a Carlo e Maffeo Barberini, dà voce alla riflessione classica e umanistica sulla poesia e contribuisce in modo significativo alla conoscenza della cultura barberiniana
978-88-7581-128-0
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/21102
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact