Teatri di comportamento La "regola" e il "difforme" da Torquato Tasso a Paolo Sarpi