All'interno di una ricerca sull'uso dello spazio nella letteratura inglese, questo saggio prende in esame lo spazio utopico nell'opera di Thomas More, che ha inventato il termine 'Utopia', poi diventato canonico del genere. Opera seminale, in questo senso, che trasforma il dato reale delle recenti scoperte geografiche in progetto ideale di una nuova società che la Storia del vecchio continente e la storia individuale di More dimostrano difficile realizzare: appunto utopica.

"Lo spazio dell'Utopia: ovvero dell'isola che non c'è"

CAVONE, Vito
2007

Abstract

All'interno di una ricerca sull'uso dello spazio nella letteratura inglese, questo saggio prende in esame lo spazio utopico nell'opera di Thomas More, che ha inventato il termine 'Utopia', poi diventato canonico del genere. Opera seminale, in questo senso, che trasforma il dato reale delle recenti scoperte geografiche in progetto ideale di una nuova società che la Storia del vecchio continente e la storia individuale di More dimostrano difficile realizzare: appunto utopica.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/20738
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact