La funzione della commissione di massimo scoperto viene esaminata anche con riferimento al nuovo ordinamento bancario, caratterizzato, sul piano contrattuale, dalla ricerca di sempre più sostanziali equilibri tra le posizioni delle parti. In tale ambito la stessa nozione di autonomia contrattuale, suscettibile di revisione alla stregua del principio di proporzionalità, di attuale valenza costituzionale-comunitaria, non sempre potrà continuare a giustificare il contenuto di contratti sbilanciati. Di qui l'esigenza di una riforma legislativa.

LA COMMISSIONE DI MASSIMO SCOPERTO. PROFILI GIUSPRIVATISTICI. II EDIZIONE AGGIORNATA

TATARANO, Marco
2007

Abstract

La funzione della commissione di massimo scoperto viene esaminata anche con riferimento al nuovo ordinamento bancario, caratterizzato, sul piano contrattuale, dalla ricerca di sempre più sostanziali equilibri tra le posizioni delle parti. In tale ambito la stessa nozione di autonomia contrattuale, suscettibile di revisione alla stregua del principio di proporzionalità, di attuale valenza costituzionale-comunitaria, non sempre potrà continuare a giustificare il contenuto di contratti sbilanciati. Di qui l'esigenza di una riforma legislativa.
978-88-495-1558-9
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11586/20571
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact