Diritto vivente e sensibilità dell’interprete